Sfarandina, cinquant’anni di passione e dedizione allo sport

L’U.S. Sfarandina, ha festeggiato sabato scorso il suo cinquantenario, dalla costituzione. Infatti, la società è affiliata alla F.i.g.c. matricola 68740 (la più vecchia di tutte le società del messinese.

Era l’anno 1969, infatti, quando un gruppo di giovani ha dato vita a questa gloriosa società che fin dalla sua fondazione ha rappresentato un punto di incontro per la popolosa comunità di Sfaranda, giovani e meno giovani, grazie alle diverse attività svolte, teatro, cinema, carnevale ed ovviamente il fiore all’occhiello, cioè il calcio.

Sabato, ad aprire la giornata del “Cuore Biancorosso”, patrocinata dell’amministrazione comunale, è stata la disputa di un triangolare di calcio che ha visto in campo l’attuale Sfarandina ed Umbertina e   le vecchie glorie del passato della compagine biancorossa, che si sono affrontare nel pomeriggio allo stadio comunale umbertino, con consegna di attestati di partecipazione per tutti, da parte dell’attuale presidente Nino Manitta.

In serata, poi a Sfaranda, la serata dei festeggiamenti è continuata, con un ricco buffet, intervallato dalla sfilata di vecchie “glorie” della società, degli undici presidenti e dei tanti allenatori che hanno guidato la squadra in questi lunghi cinquant’anni.

Da sottolineare che la società è sempre stata presente ai nastri di partenza di tutti i campionati una particolare menzione il campionato di 2° Categoria anno 1994/1995, presidente Francesco Manitta, allenatore Carlo Castanotto, dove la Sfarandina batte tutti i record, con giornali nazionali che ne parlano, con la conquista di campionato e dell’allora Coppa Trinacria che mancava nel messinese da ben 18 anni.

L’epilogo della serata, dopo la consegna di targhe ricordo ai tanti partecipanti invitati si è conclusa con il taglio della torta di 50 chili per rappresentare al meglio il cinquantenario.

 * Salvatore Calà

* 50° Anniversario di fondazione dell’US. Sfarandina – I ricordi trasformano gli eventi, hanno il potere di trasformare il passato e stravolgere il presente, soprattutto se accompagnati dalle emozioni. Che questa targa sia il contenitore dei nostri ricordi. Calà Salvatore, con sincera gratitudine per il contributo che hai dato a questa comunità.   * (Ringrazio di cuore, la società U.S. Sfarandina, per il pensiero avuto nei miei confronti, spero –  dopo trent’anni che scrivo per questa squadra –  di essere sempre utile per il  prossimo futuro).

Fotogallery

Precedente I 50 anni della Sfarandina, con la sfilata di vecchie glorie. Oggi pomeriggio un triangolare al comunale Successivo La Nebrosport ‘fa 13’ allo slalom di  Castell’Umberto