La Sfarandina perde di misura a Falcone. Risultato che non rende merito ai biancorossi

La Sfarandina nell’esordio del nuovo campionato di Prima Categoria, incassa un 1-0 che però  non rende merito ai biancorossi di Reale. Contro il Pro Falcone gli sfarandini nel post gara hanno infatti di che  recriminare, perché la battuta d’arresto matura per una decisione arbitrale che ha lasciato tutti sorpresi.

Marco Lombardo – Sfarandina

L’episodio che ha indirizzato la contesa dalla parte dei padroni di casa è avvenuto a dieci minuti dal 90, quando Tonino Leone con un pizzico di furbizia e d’astuzia si procura il calcio di rigore che viene poi  realizzato da Cipriano. Prima di tale episodio la partita era stata caratterizzata all’insegna dell’equilibrio, perché entrambe le squadre non avevano mai dato impressione di prevalere.

Se i falconesi hanno di recriminare con la sfortuna, come dimostrano le chance colossali sventante entrambe da Galati, gli sfarandini hanno solo una sola situazione per colpire l’estremo difensore falconese con il tiro dalla distanza di Marco Lombardo che va a sfiorare l’incrocio dei pali. La sconfitta maturata ieri a Falcone non pregiudica assolutamente nulla, perché siamo ancora all’alba del campionato e tutto potrebbe ancora rimettersi sui giusti binari.

A partire dalla gara di domenica, quando gli sfarandini riceveranno al Comunale di Castell’Umberto il Pro Tonnarella.

Danilo Scurria

Precedente L’Umbertina inaugura il suo terzo campionato di Prima Categoria con una sconfitta Successivo Prima Categoria - D’Agati, Franchina, Di Pani e Montalbano i senatori per i riscatto dell'Umbertina