Formula Uno – Lewis Hamilton vince e resta primo con un vantaggio di 24 punti!

Tutto come previsto. Come preventivato dopo le qualifiche, la gara si è infatti decisa dopo la prima curva per che riguarda la vittoria finale. Lewis Hamilton partito dalla pole position, è infatti riuscito a mantenere la testa della classifica sin dal primo giro e a conquistare la seconda vittoria consecutiva. Un trionfo che permette all’inglese di andare alla pausa estiva con un  vantaggio di  24 punti su Sebastian Vettel secondo al traguardo finale.

Un duro colpo quindi per  le ambizioni iridate del pilota tedesco e della Ferrari che quindi saranno chiamati ad un decisa inversione di tendenza nella gara di Spa dopo la pausa estiva in moda tale da arrivare all’appuntamento di Monza nel primo week end di settembre con il morale a mille e ancora in piena lotta per il Mondiale. Fino a Silverstone infatti tutto sembrava girare dalla parte del tedesco, ma gli ultimi due appuntamenti del mese di luglio the Hammer time è stato bravissimo a ribaltare la situazione a suo favore e a riportarsi in vetta al Mondiale grazie sia ad un pizzico di buona sorte che anche alla sua indubbia velocità .  Se a Hochenheim Lewis era stato agevolato dalla buona sorte per l’errore del ferrarista e l’ingresso della Safety Car, a Budapest l’affermazione è invece maturata al termine di una gara dominata dall’inizio alla fine, tranne nei giri in cui ha effettuato il proprio pit  stop cedendo il primato momentaneo a Sebastian Vettel. Come detto prima, Hamilton è quindi riuscito a mantenere la prima posizione subito dopo la prima curva cosi come Bottas la seconda, mentre nella seconda curva in casa Ferrari è avvenuto il cambio di posizione grazie al sorpasso di Vettel su Raikkonen per la terza posizione. Tutto è quindi filato liscio in questo modo anche dopo il cambio gomme dei primi quattro, con la gara che si accende però nelle battute finali. Vettel montando una mescola ultrasoft per lo stint finale della gara, fatica oltremisura a compiere il sorpasso su Valterri Bottas. Il finnico della Mercedes con gomme soft, riesce infatti a tenere agevolmente dietro Seb anche con una mescola più dura, nonostante il tedesco si porti spesso e volentieri in zona Drs nel lungo rettilineo che precede l’ingresso della prima curva, fino a quando  al 65esimo giro il tedesco con un azione di forza riesce finalmente ad avere la meglio su Bottas e a balzare in seconda posizione, con il finnico che nel tentativo di difendersi danneggia la propria vettura venendo superato anche da Raikkonen per la terza posizione, che gli permette di conquistare il quarto podio consecutivo e l’ottavo stagionale,  e da Daniel Ricciardo per la quarta piazza dopo un accesso duello con l’australiano nel finale di gara .

Il pilota Red Bull dopo Hamilton è stato forse l’altro assoluto protagonista della gara ungherese. Partito dalla 12esima posizione dello schieramento di partenza, Daniel si è poi reso protagonista di una bellissima gara a suon di sorpassi sublimi che lo hanno portato ai margini della zona podio, salvando quindi la giornata in casa Red Bull complice il ritiro di Max Verstappen nelle fasi iniziali della corsa per la rottura della power unit Renault. Insieme a Hamilton e Ricciardo, grandissima anche la prestazione di Pierre Gasly con la Toro Rosso. Dopo il quarto posto del Bahrain e il sesto di Montercarlo , il francese sforna anche un’altra bellissima gara ripetendo lo stesso piazzamento ottenuto sul toboga monegasco dietro a un sempre più concreto Kevin Magnussen e a un Fernando Alonso che ci mette per l’ennesima volta tanto di suo per portare la Mclaren nella top 10 con l’ottavo posto finale. Adesso archiviato il Gp ungherese il Circus della F1 entra ufficialmente in vacanza fino all’appuntamento di Spa in programma il 26 Agosto.

Danilo Scurria

Precedente Serie A - Bonucci & Higuain: se la trattativa va in porto... ci scambiamo le maglie! Successivo Automobilismo: Riolo tra le moderne e Mannino tra le storiche vincono alla Termini Caccamo